Bubble Football – Roma al Gasometro 2015

maxresdefault

Teatro, danza, street art, concerti e dancefloor per ballare tutta la notte. Ma anche sport, salute e cibo, in tema coi principi dell’Expo. Si tratta della nuova edizione del “Gasometro”, definita dagli organizzatori “3.0”, date le novità ad alto contenuto tecnologico che anche quest’anno, dall’1 luglio e fino al 15 settembre animeranno via di Riva Tevere Ostiense (ingresso da via del Porto Fluviale).

Diversamente dalle precedenti edizioni, dove l’orario di apertura era alle 21, la manifestazione – promossa, tra gli altri, da Roma Capitale, Municipio VIII e Acea – quest’anno apre i battenti alle 18: per un aperitivo romantico al tramonto con vista Tevere si va al Covo River Bar, uno spazio post-industriale tirato a lucido, dalla cui cucina escono stuzzichini, hamburger e patate speziate, ma si può usufruire della formula con buffet per una cena leggera, specialmente il giovedì, dove l’intrattenimento serale è gestito da Meetwoch. Il tutto accompagnato da cocktail, anche in caraffa, o calici di vino. Per gli amanti delle bollicine c’è anche Rewine, dove si mangia a tutte le ore e si bevono anche birre artigianali. Per sushi fatto al momento, infine, si sceglie Sushigawa. Per gli sportivi ci sono campi da pallavolo, beach tennis e BUBBLE FOOTBALL, in collaborazione con il Coni, la Figest Lazio (Federazione Giochi e Sport Tradizionali) e la Beach Volley Academy.

Prima di cena, esperti, medici e scienziati si riuniscono attorno alla vera “chicca” di quest’anno, la “Nuova Piramide della Dieta Mediterranea Sostenibile”. Si tratta di un’installazione interattiva e itinerante, che in tutta la sua imponenza – 5 metri di altezza e 5×5 metri di base – arriverà a Roma il 9 luglio con lo scopo di “educare il pubblico"Gasometro", l'estate-evento con vista sul Tevere al nuovo concetto della Med Diet 4.0, che fa bene all’individuo, alla collettività e al pianeta”, spiega Sandro Dernini, coordinatore del Forum sulle Culture Alimentari Mediterranee, segretario generale dell’IFMeD e ideatore della Piramide. La struttura partirà poi “per un tour nazionale ed internazionale che raggiungerà oltre 10 milioni di contatti – spiega Paolo Frullini, direttore artistico del Gasometro – tant’è che chiuderà anche l’Expo di Milano”. Anche nell’area di 300 metri quadri del Gambero Rosso si terranno eventi sul benessere e sulla salute, ma anche sull’enogastronomia, tra showcooking e corsi di formazione con le mani in pasta. Saranno presenti anche i Gal-Gruppi di Azione Locale del Lazio che si occupano di elaborare strategie di sviluppo dell’area rurale, l’Azienda Romana Mercati, sezione della Camera di Commercio di Roma per lo sviluppo del settore agricolo e agroalimentare e l’Arsial, l’Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l’Innovazione dell’Agricoltura del Lazio.

I concerti e gli spettacoli prendono il via già dalla serata inaugurale, con Alberto Laurenti e i Rumba de Mar, che si esibiranno in una pièce musicale tra contaminazioni sudamericane e voce melodica. Il 9 luglio salgono sul palco del Gasometro i Quinta Giusta, band che fa della polifonia e del carattere emozionale degli arrangiamenti il suo punto forte. Il 10 luglio Danila Stalteri recita in “Manco fossi Laura Chiatti”, un susseguirsi di aneddoti, esperienze tragicomiche e canzoni che raccontano il bagaglio che, faticosamente, porta con sé chiunque decida di intraprendere la carriera da attore. L’11 luglio è il turno della musica country della Western Dancing Band, mentre il 16 luglio Francesca Miceli Picardi e Manola Rotunno recitano in “Scompaio”, che mette a confronto il mondo dei ricchi e quello dei poveri. Il 17 luglio i Feel The Spirit & Friends si esibiscono in un gospel e il 18 luglio (con bis l’11 settembre) l’associazione Verba Volant propone una jam session di interpretazione teatrale.

In attesa del cabaret di “Andrea & Simone”, comici di Colorado Cafè, il 23 luglio Claudia Crisafio recita in un monologo teatrale scritto a Maria Teresa Berardelli, per la regia di Marianna Di Mauro, mentre il 24 luglio Mariangela Calia è la protagonista di “Aspettando Baston”. Il 6 e il 7 agosto sono dedicati alla musica live, con il concerto “Disincanto”, tributo a Ivano Fossati e il concerto del gruppo “Baraonna”, che mixa l’opera buffa settecentesca alle melodie jazz. L’8 agosto sale sul palco “Scalaccì corpobbi” di Paola Tiziana Cruciani, mentre il 13 agosto si balla con la “Summer Swing Night”. Il 14 agosto arti, danza e canto si mescolano nella performarce “Cinemotion” di Serena Carradori, in attesa di parlare dei sentimenti con “Amore non essere geloso”, esilarante commedia. Il 28 agosto è la volta della pièce teatrale e musicale “Ahi, l’amore che cos’è?”, di Gianfranco Vergoni, mentre chiudono la manifestazione “A bocca chiusa” di Gianluca Amatori e Marco De Riso, il concerto “Souvenir”, il monologo ambientato nella Roma dei primi anni Cinquanta “La storia de Giulietto, de Marisa e della Mano in Chiesa”, “Zorro, un eremita sul marciapiede” di Margaret Mazzantini, per la regia di Marco De Riso e “Il Gioco”, di Franca De Angelis, per la regia di Aurelio Pierucci.

Dopo il tramonto si mangia con un panino di Mrs Hot Dog o con qualche sfiziosità isolana de I Siciliani, camminando per il muro di 200 metri (per un totale di 600 metri quadri di esposizione) che sarà a disposizione di street artist nazionali e internazionali, a cura di Simone Pallotta e Walls. Ma per chi vuole stare coi piedi sotto al tavolo, si può cenare en plein air in una delle nove attività di ristorazione. E prima di buttarsi in pista al Docks si beve un cocktail da Pestimisti. Le “disco” sono le versioni estive del migliore intrattenimentocapitolino: Yav – You Are Vintage (lunedì), Mar – Touch The Wood & Lady Coco (martedì), Rum – Roma Underground Movement (mercoledì), PushPop by Borghetta Style (giovedì), Smash (venerdì), Lunar – Forever Young & Screamadelica (sabato), Le Vin Noir (domenica).

Gasometro, via di Riva Ostiense (ingresso da via del Porto Fluviale), dall’1 luglio al 15 settembre, tutti i giorni dalle ore 18 alle 2.

 

Fonte: Repubblica